Aggiornamenti COVID-19 Wedding

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

 

pexels-photo-3988631

Photo by Sokol Laliçi on Pexels.com

Il piano del Governo relativo alla “fase due” e che partirà dal 4 maggio, è stato piuttosto vago per quanto riguarda la sfera dei matrimoni e non c’è piena chiarezza in merito a quando i matrimoni potranno tornare ad essere celebrati e festeggiati.

Qui di seguito vi diamo alcune informazioni chiave per cercare di fare un pochino più di chiarezza.

Cosa dice il Decreto del 26 aprile?

Il decreto dello scorso 26 aprile, al punto i) dell’Articolo 1, comunica chiaramente che:

  • Sono sospese le cerimonie civili e religiose (ad eccetto di quelle funebri, con l’esclusiva partecipazione di congiunti, fino ad un massimo di 15 persone, da svolgersi preferibilmente all’aria aperta indossando mascherine e rispettando la distanza di sicurezza di almeno un metro).
  • Sono sospesi gli eventi di qualsiasi natura, compresi quelli di carattere ludico e religioso, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, come ad esempio, feste pubbliche e private.

Queste misure saranno valide fino 17 maggio 2020.

Cosa ha anticipato il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa del 26 aprile?

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa del 26 aprile, oltre ad illustrare le misure contenute all’interno del decreto sopracitato, ha anticipato a voce i prossimi step e quali saranno i provvedimenti che verranno emanati dopo il 17 maggio.

Ha annunciato che nei prossimi giorni si studierà un protocollo che consenta quanto prima la partecipazione dei fedeli alle celebrazioni liturgiche (sempre in condizioni di massima sicurezza) e che, dal 1 giugno, si intende riaprire le attività di bar e ristorazioni e di cura della persona.

 

Si potranno celebrare i matrimoni dopo il 4 maggio?

Il decreto intende sospese in maniera chiara le cerimonie civili e religiose e gli eventi (in questo caso il ricevimento e la festa).

Sembra tuttavia esserci meno rigidità per quanto riguarda i matrimoni civili, che secondo le ultime notizie, possono essere celebrati in Comune in un numero assolutamente ristretto (gli sposi, la persona che deve celebrare il matrimonio, i testimoni) e con tutte le precauzioni del caso (mascherine e distanze di sicurezza). In ogni caso invitiamo a contattare direttamente il Comune di riferimento per avere informazioni precise circa l’adozione delle misure del decreto.

Per quanto riguarda i matrimoni in Chiesa, ci vorrà ancora un po’ di pazienza. Siamo in attesa di conoscere il protocollo che permetterà le celebrazioni liturgiche (messe) e di capire se queste concessioni verranno applicate anche alla celebrazione di matrimoni.

Considerazioni generali

Le nuove linee guida specificano che qualsiasi attività deve essere svolta in condizioni di sicurezza, utilizzando i dispositivi di protezione, mantenendo il rispetto del distanziamento sociale e promosso l’utilizzo di protezioni delle vie respiratorie (mascherine).

Gli spostamenti sono consentiti esclusivamente all’interno della regione in cui ci si trova e solo se motivati da esigenze lavorative, situazioni di necessità (es. motivi di salute) o per incontrare congiunti, purché vengano sempre rispettate le misure sopra indicate.

L’annuncio del Governo non fa ancora riferimento ai viaggi internazionali che possono influire sulle lune di miele e sul wedding destination.

 

PIETRO SCICHILONE – MUSIC

 

pexels-photo-210764

Photo by Pixabay on Pexels.com

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>